Riprendere in mano le redini… O almeno provarci

Come si riprendono in mano le redini di un blog che è stato abbandonato per quasi due mesi nonostante tanti proclami e un inizio di 2017 spettacolare?
Non ne ho la minima idea, ma ci provo.

Qualcuno si sarà chiesto che fine io avessi fatto, qualcun altro avrà semplicemente continuato con la sua vita senza prestare la minima attenzione alla mia “scomparsa” dalla blogosfera, perché altrove sono rimasta attiva e se qualcuno è passato da queste parti avrà visto che i libri in lettura su Goodreads si susseguivano (così come comparivano nuove foto su Instagram e nuovi tweet su Twitter).

Che fine avevo fatto? Ero semplicemente tanto impegnata e non avevo molta voglia di scrivere. Per fortuna la voglia di leggere non è mancata e, soprattutto a febbraio, ho letto dei libri molto belli di cui vorrei parlavi. Questo post è un po’ come un test per verificare che le attrezzature siano ancora funzionanti e un po’ una riflessione a ruota libera, per cercare di capire cosa fare di questo spazio.
Dall’inizio dell’anno il mio modus operandi in fatto di valutazione di libri sta funzionando in maniera particolare. Leggo e aggiorno i miei progressi su Goodreads e appena finito il libro (o meglio appena possibile) lascio valutazione e uno scarno pensiero a riguardo sul social network dei libri, che poi rielaboro sul Book Journal che mi hanno regalato a Natale. Mi manca il passo successivo, ovvero sottoporre quel pensiero a una ulteriore rielaborazione / ripulitura affinché possa essere letto da queste parti. Speriamo, a partire da oggi, di riuscirci.
Ovviamente, giusto per dovere di cronaca, vi avviso che sia lo SpecialONE che i Best & Worst non compariranno più da queste parti; il primo perché oramai siamo a marzo e i secondi sono perché sono riusciti nell’impresa di diventare sforzati e stantii anche prima dei post sui preferiti che hanno mandato avanti la baracca da queste parti per ben 2 anni. Il terzo e ultimo post a finire sotto la mannaia è stato l’abbozzo del Wrap Up di Gennaio, non riuscendo più a fare il post settimanale avevo pensato di riportare in auge almeno quello mensile ma i mesi sono diventati due e quindi aspettatevi un mini-riassunto delle letture di due mesi.
Per il futuro che dire? Cercherò di fare di meglio, ma non aspettatevi nulla perché non sembro proprio la persona più adatta a fare promesse sugli aggiornamenti di questo blog.

Nella foto vi lascio le mie letture, cartacee e in ebook, di questi primi due mesi del 2017 (c’è anche uno dei libri che ho attualmente in lettura)
Buone letture a tutti!

 

W.W.W. Wednesday XIII

Nuovamente mercoledì e sapete cosa significa vero? Nuovo appuntamento con il  “WWW Wednesday“, la rubrica che vi informa, settimanalmente, sui miei progressi di lettura. Anche questa settimana più che di progressi dovrei dire tentativi di progressi perché tra post del blog, concerti e il malessere degli ultimi giorni non si può certo dire che io abbia iniziato l’anno alla grande con le letture.

Continua a leggere…

Premio: My cup of tea 2016

Continua la serie di post di inizio anno. No, non è ancora il post sui libri preferiti del 2016 ma è un appuntamento che dal 2014 non manco mai.
Anche in questo 2017 sono stata invitata dal mio compagno di malefatte (nei preferiti prima e nei Best & Worst adesso) ovvero Yue di SayAdieutoYue a condividere con lui e con voi la mia tazzina per il 2016 e io lo faccio con estremo piacere. Insomma l’avete capito oggi si parla del premio My cup of tea.

Al solito riporto con precisione assoluta la definizione del premio direttamente dal blog del suo inventore:

Lo scopo del premio “My cup of Tea” è quello di celebrare non le opere più belle dell’anno di riferimento  (che siano fumetti, film, libri , serie tv o quant’altro) ma bensì quelle che più vi hanno sorpreso, contro ogni aspettativa e pregiudizio. 

Continua a leggere…

W.W.W. Wednesday XII

Primo mercoledì del 2017 e, anche nel nuovo anno, si rinnova l’appuntamento con il  “WWW Wednesday“, la rubrica che vi informa, settimanalmente, sui miei progressi di lettura. O sui miei non progressi, come nel caso di questa settimana. Diciamo pure che questa settimana l’appuntamento si rinnova solo per onor di cronaca e non di certo per progressi di lettura, che praticamente non ci sono stati.

Continua a leggere…